salute
Giugno 8, 2021
Come è utilizzato il laser in odontoiatria?
Come è utilizzato il laser in odontoiatria?

Come è utilizzato il laser in odontoiatria?

Il laser è un dispositivo efficace per la cura di casi semplici e complessi che permette di raggiungere risultati eccellenti senza l’utilizzo del trapano, del bisturi o dell’anestesia locale, consentendo di vivere il trattamento serenamente e senza dolore.

L’utilizzo del laser in odontoiatria permette un trattamento più confortevole, più rapido e minimamente invasivo rispetto alle tradizionali terapie dentali.

Il laser odontoiatrico genera un raggio molto preciso di luce concentrata che sterilizza la zona-bersaglio e allo stesso tempo coagula i vasi sanguigni. In questo modo riduce il rischio di infezione e il sanguinamento.

Ambiti di applicazione

Il laser può essere utilizzato in odontoiatria sia per trattare le patologie dei tessuti duri (cura e diagnosi precoce delle lesioni cariose, sbiancamento dentale, desensibilizzazione) sia per le patologie dei tessuti molli (parodontologia, piccola chirurgia orale, herpes labiali ed afte, endodonzia).

Alcuni tra i più comuni ambiti di applicazione del laser sono:

Sbiancamento dentale: il trattamento sbiancante basato sulla tecnologia laser utilizza gli stessi prodotti impiegati nello sbiancamento tradizionale. L’effetto sbiancante viene ottenuto attraverso un processo di ossidazione che utilizza come principio attivo il perossido di idrogeno. Il laser funge da attivatore per accelerare il processo di sbiancamento, ottenendo un risultato eccellente e con tempi più brevi.

Cura della carie: il laser, oltre ad essere efficace nella rilevazione di carie anche ai primi stadi, consente di trattare lesioni cariose con minore invasività e permettendo di rimuovere solo il tessuto interessato, senza danni ai tessuti circostanti. Nei casi più complessi, la terapia odontoiatrica con il laser può essere, a discrezione del medico, integrata al trattamento con metodo tradizionale.

Pedodonzia: il laser è uno strumento particolarmente indicato nella cura dei pazienti più piccoli. Ad esempio consente di intervenire rapidamente sulle carie senza l’utilizzo dell’anestesia e del trapano che, attraverso le vibrazioni, può provocare una sensazione di fastidio. Il laser ha inoltre il vantaggio di bloccare il sanguinamento che spesso è per un bambino più spaventoso dell’intervento stesso.

Obiettivi e Vantaggi del laser in odontoiatria

La tecnologia basata su coni di luce ultra concentrata consente di effettuare interventi meno invasivi, meno dolorosi, più precisi, e con un decorso postoperatorio più rapido. Il laser in odontoiatria permette di ottenere i seguenti vantaggi:

  • Raggiungere batteri e microrganismi in aree della bocca difficilmente raggiungibili e dove anche i farmaci risultano inefficaci
  • Intervenire su malattie dentali come piorrea in fase avanzata senza ricorrere alla chirurgia. In questo caso si sfruttano apparecchiature di ingrandimento andando a trattare le radici senza procedere ad incisione ed eliminando ogni patogeno.
  • Ridurre al minimo o addirittura eliminare l’impiego di anestetici ed analgesici
  • Limitare sensibilmente il sanguinamento rispetto alle classiche metodologie chirurgiche
  • Risolvere facilmente eventuali recidive
  • Ridurre notevolmente i costi economici e biologici per il paziente
  • Rigenerare i tessuti parondali
  • Chiudere le tasche parodontali distruggendo ogni residuo batterico
  • Ridurre o eliminare completamente la mobilità dei denti

Il laser come efficace battericida

Le parodontiti sono causate dall’accumulo di placca e dallo sviluppo batterico, ma con il laser in odontoiatria viene ridotta in maniera consistente la componente patogena. Il potente effetto battericida può debellare con sicurezza alcuni tra i principali ceppi responsabili quali: Porphyromonas gingivalis, Actinobacillus Actinomycetemcomitans, Prevotella intermedia e Bacteroides forsythus. Risultato secondario ma ugualmente importante è la “ricolonizzazione” batterica decisamente più lenta rispetto alle normali terapie farmacologiche o di pulizia meccanica. Il laser in odontoiatria ha inoltre la capacità di indurre nei tessuti irradiati la duplicazione cellulare più veloce, accelerando il processo di guarigione, senza alterazioni funzionali o strutturali.

Il laser in odontoiaria cosmetica, conservativa e protesica

Sempre più frequente è anche lo sfruttamento del laser in odontoiatria cosmetica, quindi nei cosiddetti “trattamenti di bellezza” del sorriso. I fasci di luce vengono impiegati in sostituzione delle lampade a LED per l’attivazione del perossido di idrogeno, nello sbiancamento dentale professionale. Quest’ultima è un’alternativa utile per i soggetti che si dimostrano particolarmente sensibili al perossido di carbamide.

Vedi anche: Invisalign Piacenza

No Comment 0 , ,

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione. Per abilitare i cookie di terze parti clicca su abilita, per disabilitarli clicca su mantieni disabilitato. Per maggiori informazioni invitiamo a leggere la informativa estesa. Privacy policy